domenica 24 febbraio 2013

Nota della segreteria di stato, Mancuso: il peccato è nella Chiesa. Alt! (Raffaella)

Clicca qui per leggere l'articolo.
E' chiaro che se non ci fosse la sporcizia, i media non avrebbero nulla di cui parlare e sparlare. E' vero quindi che la colpa e' nella Chiesa prima che fuori.
Detto questo, ricordo a tutti ed a Mancuso che Ratzinger parlo' di sporcizia, nel marzo 2005, quando la chiesa sembrava trionfante e nessuno sembrava interessarsi a certe "piaghe". Semmai sono i media che hanno seguito Ratzinger, non il contrario.

19 commenti:

cc ha detto...

Il peccato e' nella chiesa. Vero tra i tanti peccati quello di tollerare che degli pseudoteologi abbiano continuato e continuino a fare disinformazione su Benedetto xvi per servire le proprie ideologie teologiche e i propri totem di riferimento (nel caso in questione il cardinale martini) senza prenderlo a calci in ......lasciamo perdere.

Anonimo ha detto...

Brava Raffaella! Bravo anche cc.

Anonimo ha detto...

Notizia esplosiva: parrebbe che il sacerdote-giornalista che curerà la parte anglofona delle relazioni con la stampa durante il Conclave, Fr. Tom Rosica (della canadese Salt&Light TV, e fra l'altro già consulente del Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali), abbia espresso, in una intervista alla CBC dopo la rinuncia di Benedetto, posizioni sul papato (e sul futuro della Chiesa) che non avrebbero nulla da invidiare a quelle kuengiane e mancusiane :

(nota bene da 7:28 in poi)

http://www.cbc.ca/player/Shows/ID/2336132344/

Parla della figura del Papa come -pressappoco- un semplice portavoce, frontman, e solo "primus inter pares" che "ci rappresenta noi tutti nel mondo", ma nulla di più. Fa un confronto indecente con la figura del primate della Church of England e il suo mandato a cadenza. Dice che la gente si è abituata a vedere da molti anni papi decrepiti, e ci vorrebbe un giovane che riesce a fare voli lunghi e a incontrare la gente dall'altra parte del mondo...


[Ripreso da

http://voxcantor.blogspot.it/2013/02/father-tom-rosica-this-first-among.html

a sua volta ripreso da

http://rorate-caeli.blogspot.com/2013/02/setting-stage-for-accurate-reporting.html ]


Con addetti stampa vaticani di questo tipo, chi ha bisogno di giornalisti "mondani" a rovinare il Papato e la Chiesa?


Di gravità assoluta.

Raffaella ha detto...

Si chiama Rosica? :-))
Comunque abbiamo letto anche di peggio...
R.

gemma ha detto...

Forse li scelgono in base ai nomi....

Anonimo ha detto...

Sì, Raffaella, pur non essendo romano, ma geograficamente più vicino a te, scrivendo quel cognome non riuscivo a non pensare al verbo "rosicare"... ;-)

[Battute a parte: 'siamo' messi male davvero..]

un ins.di Religione ha detto...

Dobbiamo essere "grati" alla stampa??..e ancora: "Benedetto XVI "non avrebbe mai intrapreso l'opera di pulizia" se la stampa non avesse per prima denunciato il crimine della pedofilia??..Mancuso,mi rivolgo a te e ai tuoi "compagni di merende" Hans Kung,Corrado Augias,Marco Politi ecc ecc..Se la situazione è giunta a questo punto,se il Male è così a fondo penetrato non solo nella Chiesa ma anche in considerevoli settori della società, è perchè la gente,e con essa purtroppo anche parecchio clero,anzichè ascoltare la Parola del Papa e del Magistero(e quindi la Verità con la V maiuscola),si è messa a dar retta alle corbellerie,alle calunnie,alle falsità che pressochè quotidianamente vomitate dalle pagine di quella stampa vostra foraggiatrice che oggi tentate di indicare all'opinione pubblica come "unica garante della verità"(??). Ma avete sbagliato i vostri conti,e le inaspettate dimissioni del Papa che più di ogni altro avete combattuto con i mezzi più illeciti,falsi e spudorati, vi si stanno rivolgendo contro come un boomerang!..l'opinione pubblica infatti,x lo meno quella che a differenza vostra ragiona col cervello, è rimasta fortemente impressionata da quello che viene unanimemente definito un grande "gesto di umiltà"! in questi giorni ho potuto constatare di persona come moltissime persone che prima erano piuttosto "fredde" se non addirittura critiche nei confronti di Benedetto XVI oggi lo guardino con occhio diverso,con ammirazione. Quante persone ho sentito dire: " su Ratzinger avevo un opinione sbagliata, ora ho cambiato idea"..e ancora "é un uomo buono,un buon Papa che ha dovuto combattere da solo contro gli individui loschi che ci sono anche nella Chiesa". Ecco,secondo me "gli individui loschi" che ci sono sia dentro che fuori la Chiesa sono rappresentati proprio da quei pseudo falsi teologi dilettanti allo sbaraglio come Mancuso, Kung e tutti coloro che da anni li hanno sostenuti e ammirati. La "sporcizia " nella Chiesa denunciata da Ratzinger fin dalla celebre Via Crucis al colosseo del 2005 è costituita proprio da questi individui e da chi la pensa come loro sia teologicamente che moralmente,siano essi vescovi,sacerdoti o semplici fedeli laici! Stiano tranquilli questi "signori"!! Nella loro mente distorta sono convinti di "aver vinto", ma dimenticano una cosa fondamentale: quelle semplici parole che Qualcuno 2000 anni fa disse a Pietro. ".. et janua inferi non prevalebunt.." Stiano tranquilli,i loro disperati tentativi di influenzare il Conclave non sortiranno l'effetto desiderato. Il Signore chiamerà come Suo nuovo Vicario un Papa che ci confermerà nella Fede e che di ceto non darà retta alle menzogne!..e continuerà la colossale opera di pulizia intrapresa dal suo straordinario predecessore, e alla quale voi vi siete SEMPRE fieramente opposti!!..perchè anche voi,cari signori,fate parte delle MELE MARCE!!

Fabiola ha detto...

Tutti citano "la sporcizia" nella Chiesa e il suo volto "deturpato" (ho in mente un autorevole blog cattolico che non nomino) poggiandosi saldamente su questa affermazione: non lo dice la stampa l'ha detto il Papa.
Vero, ma vorrei ricordare:
"Penso in particolare alle colpe contro l’unità della Chiesa, alle divisioni nel corpo ecclesiale. Vivere la Quaresima in una più intensa ed evidente comunione ecclesiale, superando individualismi e rivalità, è un segno umile e prezioso per coloro che sono lontani dalla fede o indifferenti." (Benedetto XVI Mercoledì delle Ceneri)
E evidente che cosa lo pre-occupa e lo ferisce di più: oso dire più della pedofilia, del carrierismo,dei vatileaks...o meglio sa che tutta questa sporcizia, tutto questo peccato discendono inevitabilmente da lì. Dall'aver disatteso quell'ut unum sint di Cristo, che inizia dal non riconoscimento cordiale del successore di Pietro e dal rifiuto di seguirlo.

laura ha detto...

Altro che sporcizia! c'è un letamaio e il Papa compie il sacrificio estremo per la nostra salvezza. Gli altri si sbranano e Lui va a pregare a fare da Mediatore. Non siamo stati degni diaverLo tra noi, ma Lui non ci abbandona, perché ha fede nella promessa di gesù "Non praevalebunt"! Non Lo ringrazieremo mai abbastanza, non Lo capiremo mai abbastanza. Donniamo pregare con Lui e per Lui, ora e sempre. Ora dona la Sua vita, si spolgia d itutto, non parlerà più in pubblico. SI affida solo alla preghiera nascosta. Son troppo coinvolta.

Scsate, scusami Raffaella e non pubblicare se n oritieni xhe sai adatto al blog. Grazie a Papa Benedetto e grazie a te per i lservizio di questi anni.

laura

medievale ha detto...

giratori di frittate crescono...

Eugenia ha detto...

Condivido Laura

Michele ha detto...

Bravo cc sono d'accordissimo con te secondo me è più grave l'eresia che la pedofilia.
In particolare c'è un eretico un certo Don S. G. sacerdote che veste da "signorino" o da amministratore delegato e arriva con spider rossa a catechizzare con le sue eresie indisturbato da anni a Treviso in Avvento e a Quaresima.(da frati "francescani"?! )Non ho avuto la pazienza di andare a registrare le eresie che dice e mandarle alla congregazione per la dottrina della fede. Al Vescovo ho scritto ma nessuna risposta e nessun intervento.Il male della Chiesa è l'eresia!!!!

Raffaella ha detto...

La pedofilia e' un reato (ed un peccato) gravissimo.
R.

Anonimo ha detto...

E' vero che non bisognerebbe giudicare,ma il sig.Mancuso è uno spretato come Kung,ma chi ha ricevuto un ordine,non lo può cancellare,una volta avuto è per sempre(avrebbero docuto saperlo anche i genii dello sbattezzo)restano 2 preti eretici,egotisti e tiologi,no,non è un errore,sono teologi di sè stessi,Cristo,sì,un profeta come tanti,Buddha,Maometto,Laotze e via andando,nullus intra nullos,solo quello che loro pensano è evangelico,quindi lezioni da questi tipi non ne voglio,continuino a scrivere le loro cavolate,intanto il Signore veglia attentamenta,perchè,casomai non l'avessero ancora capito,poco possono gli uomini di chiesa e della chiesa che è solo di Cristo,sennò sarebbe finita da un pezzo.Ah,quanto rosica l'invidia.....GR2

giuseppe ha detto...

Io non darei tanta importanza a questo pifferaio anticlericale che é Mancuso. Le sue analisi sono sempre molto faziose e mostrano palesemente la sua avversione alla gerarchia, compreso papa Benedetto che lui ha criticato aspramente anche per i suoi scritti.

Andrea ha detto...

Quando il Beato G.Paolo II fece la grande richiesta di perdono per le colpe della Chiesa (2000), la fece a Cristo, ai piedi del Crocifisso.
I "media" (supposti favorevoli al Papa) scrissero "la Chiesa chiede scusa al mondo per le sue colpe".

Così, oggi, papa Benedetto dice esplicitamente che troppe persone di Chiesa feriscono la Chiesa, andando per proprio conto; i media dicono "la Chiesa è molto peggio del mondo".

La tesi sottostante è che la Chiesa vada sbaraccata, e sostituita dalla Sua caricatura: un club di chiacchieroni sull' "Assoluto". Tale club potrebbe avere solo un portavoce, non certo un Papa/Cristo in terra (cfr. commento delle 10:27)

cc ha detto...

Raffaella, la pedofilia e' una forma di perversione sessuale di natura necrofila. Il pedofilo e' una persona che attraverso l'abuso sessuale cannibalizza le proprie piccole vittime. E' un disturbo maniacale secondo me profondamentamente connesso con le relazioni di potere all'interno di strutture famigliari o sociali chiuse o sclerotizzate. La chiesa cattolica ha profondamente patito al suo interno questo fenomeno non perche' "i preti non si possono sposare o non possono vivere la propria sessualita'" ma perche' e' in salasso di energie e fede da parecchio tempo. Questo ha dato voce da una parte alle cariatidi della conservazione dura e pura e dall'altra a dei riformatori che hanno tentato e tentano a tutti i costi di combinare un matrimonio riparatore tra cristianesimo e mondo moderno. In entrambi i casi abbiamo delle eresie che si sono rivelate dei vicoli ciechi che hanno fatto perdere energie e fede alla chiesa cattolica. L'hanno costretta in un mondo autoreferenziale che le ha fatto tanto, tanto, tanto male e ha ucciso l'anima a molti preti trasformandoli in mostricciatoli (in alcuni casi criminali). Papa Benedetto e' stato il medico che ha fatto la diagnosi. Quando la chiesa assorbira' la lezione comincera' a guarire.

Anonimo ha detto...

C'é una differenza tutt'altro che irrilevante mi sembra, non mi si fraintenda, ma va detto: Giovanni Paolo chiedeva perdono - non si capisce bene a chi, e per capirlo ci volle un certo sforzo - per le colpe "del passato"; Benedetto addita le colpe e i mali del presente; si è adoperato con tutte le sue forze per salvaguardarne la Chiesa - comprese le Sue stesse debolezze sopraggiunte! - ed esorta tutti alla converzione a Cristo nella Chiesa, dove è elargita la Grazia.

Così il Padrone della Vigna ci ha aperto, per mano del Suo Vicario, il futuro e ci mette al cospetto della Fonte del perdono. Questo lo hanno capito immediatamente tutti, e per questo non gli hanno dato requie.

gianni

Andrea ha detto...

Il volto della Chiesa, caro cc, sono sempre state le donne (vergini o madri: entrambi i gruppi ripresentazione di Maria Ss., Vergine E Madre) e i bambini (i "piccoli" del Regno dei Cieli; destinati a diventare "adulti" in Cielo).

Il post-modernismo dei nostri tempi si è riferito a un modello di maschio "Adulto" (in questo mondo), "Intellettuale" (anziché fattivo), "Sacrale" (nel senso di coltivare la propria sacralità, anziché quella del Culto). Uno pseudo-Santo Subito (non mi riferisco assolutamente a G.Paolo II, ma a chi ha esposto quello striscione sì), che non ha nulla di cattolico; ha molto del discutitore di loggia massonica