giovedì 21 febbraio 2013

Il Papa ci ha preso in contropiede. I commenti di don Ciotti, don Di Noto e...don Mazzi!

Clicca qui per leggere i commenti.
Ringrazio don Ciotti per avere ricordato le parole del Papa sulla mafia ed il decreto di beatificazione di don Puglisi. Un abbraccio fortissimo a don Di Noto che in questi anni non ha MAI fatto mancare il sostegno a Benedetto XVI...grazie! 
Trovo particolarmente irritanti le parole di Mazzi che per anni non ha lesinato critiche al Santo Padre su tutti gli schermi televisivi. Non si sentiva il bisogno della sua approvazione.

10 commenti:

gemma ha detto...

Molti approvano perché in realtà non lo hanno capito il gesto

Fabiola ha detto...

Molti approvano perché non gli par vero che si sia tolto di mezzo.
Mi spiace, ma sono moralmente certa che sia così.

Andrea ha detto...

E soprattutto, cara Fabiola, si ripropone il sogno ossessivo dello "sbaraccamento del Papato": Chiesa senza Capo, cioè senza Cristo e senza Suo Vicario; non Dimora di Dio con gli uomini, ma luogo di ritrovo degli uomini che "cercano il senso della vita"

cc ha detto...

Piu' vado avanti negli anni piu' mi convinco che il cattolicesimo sia veramente il luogo della verita'. Ha troppi nemici e non tanto quelli che hanno motivo di rancore (fisiologico dopo 2000 anni) ma soprattutto quelli che fingono di amarla per poterla cambiare a loro immagine e somiglianza. C'e' troppa gente in giro che vuole a tutti i costi infilarsi nei propri mastodontici piedoni la scarpina di cristallo della chiesa cattolica fingendo di schifarla. E si!!! Comincio a sospettare di essere dalla parte giusta.

cc ha detto...

http://video.repubblica.it/mondo/mancuso-dimissioni-papa-hanno-aperto-la-mente-dei-vescovi/120250/118734?ref=HREC1-11
A proposito di gente che persiste inesorabilmente e pervicacemente a non capire un emerito tubo.

Eugenia ha detto...



Don Mazzi pensi alla sua comunità ed eviti di dare giudizi. Adesso ha veramente rotto le scatole tempo fa lessi che voleva vendere il Vaticano........ questo dismostra lo spessore della persona in questione.

cc ha detto...

Don mazzi e' un simpatico prete. Un tipo operoso con uno sviluppato senso pratico. Un soldato semplice che mangia pane e formaggio e sa tenere pulita la camerata (di questi tempi una gran cosa). Non e' dannoso come i roditori da curia ma e' incapace di andare oltre il suo senso pratico. Quando il Papa arrivo' a Milano e fece il suo discorso (seppur terrorizzato) sul sagrato del Duomo con accanto il sindaco Pisapia (da me soprannominato occhio di lince), don mazzi che commentava insieme ad un giornalista rai l'evento sulla prima rete, ricordo che impiego' tutto il tempo a decantare la profondita' delle parole di pisapia e a glissare sistematicamente quelle di Benedetto xvi. come diceva Gesu': PERDONA LORO SIGNORE PERCHÉ NON SANNO QUELLO CHE FANNO E DICONO

Anonimo ha detto...

Cosa c e realmente dietro ke dimissioni del papa? Quale altro mistero si nasconde dietro a tutto cio?...

Anonimo ha detto...

Fabiola mosta uno spiccato senso pratico.
Sono sincero: a me i preti barricadieri, in versione Don Ciotti, Don Gallo, Don Farinelli, ecc., sempre adirati con tutto e con tutti, sempre privi di "contrassgeno" (si guardano bene dal portare un colletto od un abito pretizio)non mi sono mai piaciuti.
Nella mia vita ho conosciuto santi sacerdoti che hanno saputo "svolgere" un apostolato presbiteriale e dottrinale di grande valore in silenzio e senza plateali esibizioni televisive, senza utilizzare i beni dei mafiosi per farsi belli di fronte alla gente.
Molti anni or sono, dopo il Concilio, Ratzinger disse, con una semplificazione che comunque coglieva nel profondo, che i sacerdoti (e quelli al di sopra di loro) stavano interpretando e diventando il loro ministero come quello di "assistenti sociali".
Mi piace la Chiesa della carità; nnon mi piace la chiesa degli assistenti sociali, perché per quel ruolo ci sono già strutture organizzate, con personale specializzato. A mio avviso, non è quello il primo compito di un sacerdote nei paesi dell'occidente evoluto.

Maria ha detto...

Io devo ancora leggere l'articolo, ma dando un'occhiata ai commenti, mi viene da condividere il pensiero di Gemma: molti approvano perché pensano che sia la scelta giusta secondo i "loro" punti di vista.
Ma...quello del Papa?