venerdì 15 febbraio 2013

Anche Svidercoschi se la prende con la curia romana...Lo scontro fra Schomborn e Sodano

Clicca qui per leggere l'intervista segnalataci da Silvano.
Abbiamo grazie a questo intervento la possibilita' di ricordare lo scontro fra Schomborn e Sodano nel 2010. Giusto per rinfrescarsi la memoria e togliersi qualche masso dalle scarpe...
Clicca qui per tutti i particolari. 
Non dimentichiamoci mai di quell'anno terribile e di come il Papa e' stato lasciato solo. L'arcivescovo di Vienna fu uno dei pochi a dire la verita'.

10 commenti:

Silvano ha detto...

ma il caso Groer centra con questa affermazione di Anselmi?

"Sono molti a spiegare l’abdicazione col carattere del teologo bavarese che, già da cardinale, si era dimesso per le resistenze incontrate nel suo tentativo di processare l’allora arcivescovo di Vienna. Ma al tempo c’era Wojtyla.."

http://www.vip.it/giulio-anselmi-alla-fine-papa-ratzinger-ha-fallito/

Beh, minacciare di dimettersi per quel motivo mi pare che gli faccia ancora una volta onore, Ieri come oggi. Dove lo vede Anselmi il fallito?

Raffaella ha detto...

Certamente si'!
Il card. Ratzinger tento' in tutti i modi di processare Groer ma venne bloccato in ogni modo.
Teniamo sempre presente che la Congregazione per la dottrina della fede e' competente per i casi di pedofilia solo dal 2001 ma si e' sempre occupata dei casi di abuso del Sacramento della Confessione.
Quindi il card. Ratzinger aveva tutto il diritto di intervenire ma nessuno, allora come ora, lo aiuto'.
Bene fece a minacciare le dimissioni.
R.

un passante ha detto...

temo ne compariranno altri di articoli corredati del solito alto prelato di lungo corso, a "sostenere" la curia contro Benedetto. Devono solo organizzarsi un pò con gli amici giornalisti di riferimento, per ribaltare la frittata e gridare al papa giovane e all'aggiornamento della chiesa

Raffaella ha detto...

La penso esattamente come Passante.
Per questo dobbiamo vigilare.
Non sara' consentito infangare, calunniare Papa Benedetto.
Staremo con gli occhi aperti prima e dopo il 28 febbraio.
R.

cc ha detto...

Svidercoschi? Il vecchietto con la fissa del clericalismo e del concilio vaticano ii? Quando Papa Benedetto nella sua ultima omelia parlava dello scandalo della mancanza di unita' nella chiesa e del fatto che ognuno pensa che l'altro sia causa di questa lacerazione ma mai se stesso, non credo si riferisse solo alla curia romana. Si riferiva pure alle vecchie e stolte cariatidi come svidercoschi che parlando male della curia non fanno altro che dare voce a chi all'interno di quella curia vuole portare sfascio unicamente per colpire i propri nemici personali; i preti disobbedienti che costruitosi i loro totem (uno per tutti il cardinale martini) persistono mediaticamente a riproporre vecchi e sgangherati temi (il matrimonio dei preti, il sacerdozio per le donne ecc) con il solo scopo (per alcuni consapevole per latri inconsapevole) di minare il papato e la sua centralita', al popolo tutto che ormai dopo decenni di lavaggio del cervello secolarista ha ridotto la sua religiosita' ad una penosa pantomima intrisa di un ributtante sentimentalismo agnostico. La lista e' lunga ma, come ha detto Papa Benedetto, ognuno pensa di non farne parte.

Anonimo ha detto...

ben detto Raffaella! Maria Pia

Anonimo ha detto...

non sarà difficile, per alcuni, andare a ruota libera dopo che Benedetto XVI si sarà consegnato al silenzio. Mentre lui, non ne dubito, non approfitterà mai del suo ritiro per fare interventi allusivi e dietrologici.

sam ha detto...

Ahimè sarebbe grottesco che dopo aver fatto ricadere su di lui le colpe della Chiesa del prontificato precedente, facciano ricadere su di lui ogni anche quelle del pontificato successivo.
Il rischio che Benedetto continui ad essere usato come capro espiatorio è reale. Anche questo lo conforma a Cristo...
Stiamo ai suoi piedi.

Maria ha detto...

E noi continueremo le battaglie per lui anche dopo...mica ce lo dimentichiamo, per noi è sempre un PADRE e tale resterà, anche nella piena obbedienza e nell'affetto al futuro Pontefice!

Eugenia ha detto...



Giusto Maria ti condivido in pieno! Benedetto XVI sarà capro espiatorio per il precedente e per il futuro pontificato. Con la differenza che mentre lui ha dovuto pulire la sporcizia nascosta del precedente, chi verrà troverà molte cose cambiate ma, troverà anche da ridire sull'azione di pulizia che Benedetto XVI ha cercato di portare avanti nonostante avesse nemici dentro e fuori.